Digital Marketing, Marketing

Cos’è un funnel di marketing?

Il funnel di marketing: cos’è e come funziona

Che cos’è il funnel nel marketing? Il termine funnel (imbuto in inglese) può non dire granché ai più, eppure è alla base di una delle regole più importanti nel mondo del marketing, ossia quella per convertire un contatto in cliente.

Nel mondo del (web) marketing, e più in generale in ogni business, un funnel di marketing (o funnel di vendita) rappresenta il percorso del cliente, da quando entra nell’imbuto di vendita (ossia viene a conoscenza della vostra attività) fino a quando diventa cliente, e poi fan, testimonial e c.d. ambassador.

A meno che non si parli di brand molto famosi, vendere a una persona che non sa chi sei (c.d. contatto freddo) è difficile. Per questo è fondamentale creare un buon funnel di marketing che trasformi i contatti freddi in contatti caldi, ossia predisposti all’acquisto. Ma come fare?

“You’re only one funnel away”

Il Modello AIDA

Immagine illustrante il modello AIDA per la creazione del funnel di marketing

Fase 1 – Attenzione

La prima fase consiste nel farsi notare, al fine di far entrare nel funnel dei potenziali clienti. In che modo? Puoi usare uno dei tanti strumenti di digital marketing, ad esempio:

  • Pubblicità su Facebook/Instagram (o altri social come LinkedIn, Twitter, etc…)
  • Traffico organico derivante da SEO
  • Google Ads (SEM)
  • Condivisione sui social media

Per ognuno di questi strumenti dovrai fare in modo di intercettare il pubblico giusto da far incanalare nell’imbuto, ossia il tuo target di riferimento (il tipo di persone a cui è rivolto il tuo prodotto o servizio).

Fase 2 – Interesse

In questa fase puoi veicolare le persone a una landing page o a una pagina di presentazione del tuo prodotto/servizio, dove descrivi le caratteristiche della tua offerta. La pagina dovrà essere efficace nell’esporre le caratteristiche e i benefici del tuo prodotto/servizio.

L’obiettivo di questa fase è suscitare l’interesse del potenziale cliente facendogli capire che il tuo prodotto/servizio può portare dei concreti benefici.

Fase 3 – Desiderio

In caso tu offra un servizio, per stimolare il desiderio nel tuo potenziale cliente, potresti ad esempio offrire una versione di prova gratuita.

Questa è la fase giusta, per esempio, per registrare alcuni dati, che ti permetteranno in seguito di ricontattare l’utente che ha già provato il prodotto, attraverso azioni di remarketing mirate. In questa fase i contatti iniziano a diventare “caldi”, ossia veramente interessati all’acquisto.

Fase 4 – Azione

Il lead “caldo” deve essere solo trasformato in cliente: in questa fase è possibile effettuare ad esempio delle offerte mirate per convincere definitivamente all’acquisto.

Si tratta dunque della fase finale del funnel, in cui avviene la c.d. conversione, ossia l’azione che vogliamo che i clienti compiano e che porta valore al nostro business (tipicamente l’acquisto di un prodotto, la sottoscrizione di un abbonamento, etc…).

E tu hai già strutturato un funnel di vendita per la tua attività? Se non l’hai ancora fatto ti conviene inserirlo subito nella tua lista di priorità perché si tratta di uno strumento fondamentale nella vendita online oggigiorno.

Contatti

Se ti interessa ricevere una consulenza gratuita, un confronto gratuito o un supporto per definire il tuo funnel di vendita, contattaci con questo form! Saremo felici di aiutarti in qualsiasi caso.

Descrivici come possiamo aiutarti

La tua mail non verrà pubblicata ma utilizzata solo per il servizio richiesto. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

    author-avatar

    Relativo a Marco Tarantino

    Co-founder di Entmediatech. Laureato in Management presso l'Università Bocconi. Ha lavorato come business analyst e business consultant presso importanti agenzia di consulenza marketing, come Wavemaker e GroupM.

    Articoli correlati

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.