Bandi, Finanza Agevolata

Bando PID Bologna – Innovazione Digitale

CCIAA BOLOGNA: VOUCHER DIGITALI I4.0 2021

La Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Bologna, nell’ambito delle attività previste dal Piano Transizione 4.0 , a seguito del decreto del Ministro dello Sviluppo economico del 12 marzo 2020 che ha approvato il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), con il presente Bando intende promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro, Piccole e Medie Imprese di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione. Il contributo erogabile è pari al 50% delle spese sostenute, per un importo massimo di 10.000.

L’investimento minimo è pari a 5.000 euro.

Il bando è rivolto alle MPMI (micro, piccole e medie imprese) della Provincia di Bologna.

Hai sostenuto delle spese per l’innovazione dei processi digitali? Hai intenzione di avviare un sito e-commerce? Allora questo bando fa per te…Scopri di più 👇🏻

Fino a 10.000 € di rimborso per le attività digitali!

Per informazioni:

  • e-mail: info.entmediatech@gmail.com
  • tel: +39 328 314 9324

Spese ammissibili per il bando

Gli interventi di innovazione devono riguardare almeno una tecnologia di cui all’Elenco 1 ed eventualmente una o più tecnologie dell’Elenco 2.

  • Elenco 1 – utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi:
    • robotica avanzata e collaborativa,
    • interfaccia uomo-macchina,
    • manifattura additiva e stampa 3D,
    • prototipazione rapida,
    • internet delle cose e delle macchine,
    • cloud, fog e quantum computing,
    • cyber security e business continuity,
    • big data e analytics,
    • intelligenza artificiale,
    • blockchain,
    • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa,
    • simulazioni e sistemi cyberfisici,
    • integrazione verticale e orizzontale,
    • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain,
    • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività,
    • sistemi di e-commerce,
    • sistemi per lo smart working e il telelavoro,
    • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale legate all’emergenza sanitaria,
    • connettività a Banda Ultralarga.
  • Elenco 2 – utilizzo di tecnologie digitali propedeutiche o complementari a quelle di cui all’Elenco 1:
    • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet,
    • sistemi fintech,
    • sistemi EDI, electronic data interchange,
    • geolocalizzazione,
    • tecnologie per l’in-store customer experience,
    • system integration applicata all’automazione dei processi,
    • tecnologie della Next Production Revolution (NPR),
    • programmi di digital marketing,
    • soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica.

Non sono ammesse le imprese a cui sono stati assegnati i contributi a valere sul “Bando voucher digitali I4.0 – annualità 2020” della CCIAA di Bologna ed hanno presentato la relativa rendicontazione nei termini.

Tutte le spese possono essere sostenute a partire dal 1° gennaio 2021 fino al 120° giorno successivo alla data di comunicazione all’impresa del provvedimento di concessione.

Per quanto riguarda il tipo di spese, sono ammissibili le spese per:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal presente bando. Tali spese devono rappresentare almeno il 30% dei costi ammissibili;
  • acquisto, canoni e noleggi di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti previste dal bando. I canoni e i noleggi sono ammissibili se riferiti e pagati nel periodo di competenza del presente bando. Sono esclusi i costi per leasing finanziario.
  • spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura (quali spese di istruttoria, interessi, premi di garanzia, ecc.) relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale riferiti agli ambiti tecnologici di cui al presente bando. Tali spese non possono superare il limite del 10% del costo totale del progetto finanziato.
Ti interessa il bando? Allora non aspettare: contattaci per avere più informazioni!


Contattaci

Soggetti beneficiari

Possono partecipare al bando le MPMI (Micro, Piccole e Medie Imprese) che abbiano sede legale o un’unità locale nella Provincia di Bologna e siano attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese.

Natura del contributo

Le risorse complessivamente stanziate dalla Camera di commercio di Lecce a disposizione dei soggetti beneficiari ammontano a 510.000 €.

In caso di accettazione dellla domanda, le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher, con un importo massimo di 10.000 €. In ogni caso, l’entità massima dell’agevolazione non può superare il 50% delle spese ritenute ammissibili.

Le imprese con rating di legalità riceveranno una premialità di 250 €, nel limite del 100% delle spese ammissibili.

Ti interessa il bando? Allora non aspettare: contattaci per avere più informazioni!


Contattaci

Termine di scadenza e procedura

Scadenza Voucher PID Bologna

Lo sportello per la presentazione delle domande aprirà dalle ore 10:00 del 15 luglio alle ore 13:00 del 30 luglio 2021, salvo chiusura anticipata per esaurimento dei fondi in dotazione.

I progetti saranno valutati in base ad una procedura valutativa a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda. Ciascuna impresa può presentare una sola richiesta di contributo.

Alla domanda per l’ammissibilità a contributo, dovranno essere allegati:

  • preventivi di spesa ammessi e gli eventuali piani di finanziamento – spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura (quali spese di istruttoria, interessi, premi di garanzia, ecc.) relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale – redatti in euro e in lingua italiana o accompagnati da una sintetica traduzione e intestati all’impresa richiedente e dagli stessi si devono evincere con chiarezza le singole voci di costo (i preventivi di spesa dovranno essere predisposti su propria carta intestata da soggetti regolarmente abilitati, non saranno ammessi auto-preventivi);
    • il “Report di self-assesment di maturità digitale – impresa 4.0″ compilato sul sito PID aggiornato nell’anno 2021.

Per informazioni:

  • e-mail: info.entmediatech@gmail.com
  • tel: +39 328 314 9324

Se ti interessa il bando PID per l’innovazione digitale, contattaci gratuitamente con questo form. Saremo felici di aiutarti!

Descrivici come possiamo aiutarti

La tua mail non verrà pubblicata ma utilizzata solo per il servizio richiesto. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

    Articoli correlati

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.